Scroll to top

Tendenze di sviluppo della realtà virtuale nel futuro

La realtà virtuale (VR) ha fatto molta strada: da un concetto di fantascienza ad una tecnologia accessibile e ampiamente utilizzata.

Nel 2019, le applicazioni legate allo sviluppo della realtà virtuale sono cresciute a un ritmo impressionante, e il costo per utilizzarla è diventato accessibile anche per le piccole imprese. La tecnologia, inoltre, si sta diffondendo nella maggior parte delle principali industrie, dall’istruzione alla sanità, dalla finanza al turismo.

Con questo articolo ci siamo posti la domanda “Cosa ci si aspetta in futuro per la tecnologia VR?” e abbiamo provato a dare una risposta. 

Il futuro della realtà virtuale: le 4 migliori previsioni da oggi al 2030

Il costo di implementazione VR sta diminuendo, il numero di visori e altri dispositivi che danno accesso all’innovazione sta rapidamente aumentando. Sembra che la realtà virtuale sia al top, ma gli esperti ritengono che abbia ancora della strada da fare. 

1. La realtà virtuale ci porterà più vicino allo spazio

Nel 2030 l’Agenzia Spaziale Europea manderà delle persone su Marte, ma nel frattempo la realtà virtuale resta l’unico modo per gli umani di sperimentare in prima persona la vita sul pianeta rosso senza lasciare la Terra.

Non a caso, l’industria spaziale è tra i leader nell’implementazione della realtà virtuale. E la creazione di simulatori che catturano l’esperienza di un viaggio interstellare non è improbabile!

2. I display VR con ampio campo visivo diventeranno una cosa normale

Quando si tratta di campo visivo, ci sono molteplici aspetti di cui i produttori devono prendere in considerazione. Per creare un’immagine senza distorsioni sarebbe necessario dotare i visori con lenti più grandi che risulterebbero però non ergonomiche.

La buona notizia è che le soluzioni per ampliare il campo visivo senza aumentare la dimensione delle cuffie sono già in fase di sviluppo, ad esempio Oculus Rift sta lavorando su visori per la VR con lenti extra-sottili.

3. Mobile VR

Per ora, la maggior parte dei visori VR dipendono ancora dai computer, bloccando così lo sviluppo e l’adozione dell’innovazione. Collegare gli strumenti di realtà virtuale e i dispositivi mobili è un obiettivo per i leader del settore, nonostante ci sia ancora molta strada da fare.

Oggi, si può fare un’esperienza di realtà virtuale utilizzando i vari visori esistenti, come Oculus Go, Samsung Gear o Google Daydream. L’unica cosa necessaria è un’applicazione nel telefono che, però, occupa molto spazio di memoria e necessita di una rete WiFi. 

4. 5G e VR

I problemi di latenza e larghezza di banda hanno ostacolato una corretta implementazione della realtà virtuale. Tuttavia, con il 5G non si avranno più questi problemi.

Inoltre, la combo 5G e VR è rivoluzionaria per gli strumenti di comunicazione: entro il 2030, la connettività basata su VR potrebbe essere implementata su Skype, Google Hangouts e altre app per le videochiamate.

In questo modo potrebbe migliorare la qualità del lavoro a distanza e si avranno cambiamenti significativi nei posti di lavoro.

Cosa cambierà nella nostre vite?

Si parla molto dell’impatto della realtà virtuale sul modo in cui percepiamo il mondo e superiamo le sfide.

In generale le opinioni sono contrastanti, da chi loda la realtà virtuale come un modo per migliorare la vita di tutti i giorni a chi la tratta come una forma paura e quindi una via di fuga.

Bisogna prendere con le pinze tutto ciò che si legge a riguardo, ad esempio con gli utilizzi che se ne fanno al giorno d’oggi ci si è accorti che la realtà virtuale

  • migliora la capacità di orientamento e la memoria.
  • causa la chinetosi. Anche se la tecnologia ha molti effetti positivi, è tutt’altro che perfetta e può causare danni alla salute. Ad esempio, la realtà virtuale provoca mal di testa e nausea.
  • è efficace per la terapia della salute mentale e per curare l’anedonia (incapacità di sentire emozioni positive).
  • è un modo privo di rischi per ottenere un rilascio di adrenalina. Invece di cercare il pericolo, le persone possono provare uno sport estremo, una gara automobilistica e altre attività potenzialmente fatali senza mettere gli altri e se stessi a rischio di morte.

Conclusione

Nonostante i media descrivono i passi avanti della tecnologia come un modo per sfuggire alle sfide della vita reale, la realtà virtuale è uno strumento che migliora la nostra comunicazione con il mondo esterno.

C’è ancora molta strada da fare in questo settore, tuttavia potremmo sperimentare un vero boom dello sviluppo della VR già in questo decennio appena iniziato.

Related posts